martedì 25 febbraio 2014

Il mio ultimo contributo sul caso


Gentili lettori, per quanto è nelle mie possibilità penso proprio che questo è l'ultimo contributo che posso dare a questa vicenda. Di più, oltre tutto quello che ho fatto da luglio 2011 a stamattina, non posso fare. Spetta a chi ha il potere e i mezzi per sbloccare l'attuale situazione di silenzio e di stallo procedere oltre questo punto. Grazie. Buona lettura.

 

Daniele Spisso




*Link:

http://www.nottecriminale.it/noc/index.php?option=com_k2&view=item&id=1851:la-strage-di-via-caravaggio-da-9-mesi-un-dna-e-senza-nome&Itemid=131




36 commenti:

  1. Il mio articolo è "ospite" della pagina Facebook del programma tv Chi l'ha visto? da stamattina.

    RispondiElimina
  2. Wow! Allora ci sono speranze che se ne occupino? Vado subito a guardare. Tieni duro Daniele, non mollare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo so se decideranno di farlo. Ma sicuramente, quanto meno, l'articolo cattuererà un po' la loro attenzione. Poi dipende da loro, è chiaro.

      Elimina
    2. Daniele sono andato sulla pagina Facebook ma non l'ho trovato, come mai?

      Elimina
    3. Si, anche a me adesso dà questo problema Arturo. Cioè: se vado ad aprire l'articolo attraverso le recenti attività di Facebook mi compare, lo vedo. Se invece entro nella pagina Facebook su Chi l'ha visto? (che è a Gruppo chiuso) non mi compare più, non lo vedo.

      Elimina
    4. Di seguito, il testo del commento che ho lasciato nella pagina Facebook di Chi l'ha visto? dopo la pubblicazione del mio articolo da parte loro: "Grazie per aver dato ospitalità a questo mio articolo. Alla redazione del programma tv Chi l'ha visto? vorrei dire una cosa molto importante, in questa sede-web ufficiale: mi rendo conto che l'informazione televisiva ha bisogno di atti ufficiali di una Procura della Repubblica per riportare il caso all'attenzione dell'opinione pubblica attraverso il piccolo schermo. Ma allo stesso tempo è anche vero il contrario, cioè: notando l'assenza d'interesse da parte dell'informazione televisiva, la Procura potrebbe sentirsi invogliata a non emettere nessun atto ufficiale. A non far sapere niente. E questo perché, ne sono convinto, con questo DNA ha tra le mani una patata bollente. Quindi penso che se il primo passo lo fa l'informazione televisiva, la Procura si sente invogliata a uscire allo scoperto e a comunicare (con un atto ufficiale) ciò che ha trovato circa 1 anno fa"

      Elimina
    5. Spero che non l'abbiano tolto....Io credo che Chi l'ha visto sia un programma che comunque punti alla ricerca della verita'; in alcuni casi sono a dir poco accaniti, vedi es Roberta Ragusa; penso che da parte nostra sia comunque utile fare pressioni a questo livello perche' se i media fanno a loro volta pressioni la Procura quest'ultima non puo' tenere gli atti nel cassetto; credo che la patata piu' che bollente diventerebbe incandescente...

      Elimina
  3. Comunque e' paradossale: una volta che il DNA indica chiaramente un nome, perche' di sangue su quell'asciugamano ce ne sara' in abbondanza...non si riesce a sapere la verita'; in altri casi dove tutti i mezzi d'informazione sono interessati o il risultato e' dubbio o c'e' qualche altro problema....davvero strana la vita...
    Comunque non lo vedo tanto inopportuno da parte dei mezzi di informazione andare a chiedere a che punto sono le indagini; tanto piu' che due anni fa comunque hanno ripreso il caso, che problema c'e' a chiedere lo stato delle cose?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo considerano un Cold Case troppo "vecchio" per le loro strategie di mercato.

      Elimina
  4. Daniele, ho appena mandato un messaggio con il link del tuo blog anche a Gianluigi Nuzzi; magari non mi risponde ma...almeno tentiamo.ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto bene Arturo... Tanto ormai siamo dimenticati da tutti, un tentativo in più non guasta

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Ho appena messo il link dell'articolo di Italia criminale su un post Facebook di Quarto Grado ed ho inserito anche un messaggio in bacheca; se andate anche voi e scrivete puo' essere utile, che dite Maria e Daniele? anche gli altri lettori del blog possono farlo! ciao

      Elimina
    4. Hai fatto benissimo, grazie. Scusami se ti ho risposto solo adesso Arturo.

      Elimina
    5. Non ti preoccupare, Daniele; ho visto che il mio post ha riscosso diversi "mi piace" e anche due commentatori; fatevi un giro sulla pagina, creiamo un po' di movimento a riguardo, chissa' se qualcosina riusciamo a smuovere, un minimo di curiosita'...; comunque il messaggio a Gianluigi Nuzzi e' stato visualizzato....chissa' se risponde;
      ciao

      Elimina
    6. https://www.facebook.com/photo.php?fbid=585858211492133&set=a.377833038961319.88612.376640082413948&type=1&theater

      Elimina
    7. Stavo pensando che 'Chi l'ha visto' si occupa anche di casi di 40 e più anni fa, se irrisolti, quindi il tentativo di contattarli per via Caravaggio si potrebbe fare, poi voglio vedere se rispondono, se fossero seri e davvero indipendenti, dovrebbero farlo.

      Elimina
    8. Puoi provare Simona. A me dissero picche, con la scusa che non vi erano novita' (nonostante avessi inoltrato loro l'articolo di Fabio Sanvitale con le sconcertanti notizie sugli esami del DNA), mi pare che anche Arturo scrisse loro. Se aggiungiamo anche la tua voce forse capiranno che qualcosa di cui parlare c'è e come.
      Quando vogliono, hanno scoperchiato situazioni e casi davvero imbarazzanti da raccontare all'opinione pubblica ( vedi rapimento Orlandi).
      Provaci, tanto non abbiamo nulla da perdere

      Elimina
  5. Ragazzi...non c'entra nulla con questa discussione...ma hanno appena comunicato sui telegiornali la sentenza di via Poma...ma la giustizia esiste? bah...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il caso via Poma, la giustizia non è esistita ieri sera. Far passare un processo d'Appello-farsa e valutare in meno di tre ore di Camera di consiglio un processo così delicato assieme ad altre 14 cause.

      Elimina
    2. Scusatemi gentili lettori. Visto che per un attimo siamo stati in argomento: http://www.activism.com/it_IT/petizione/un-altro-tentativo-per-simonetta/54676

      Firmate questa petizione, per favore. Aiutate la famiglia di Simonetta Cesaroni. Ve lo dico con il cuore. Grazie.

      Elimina
  6. Informo i miei lettori che il dott. Giovanni Melillo non è più il titolare del nuovo fascicolo d'indagine sul caso della strage di via Caravaggio. Il dott. Melillo, infatti, ha recentemente ottenuto un incarico presso il Ministero della Giustizia. Il nuovo Procuratore aggiunto di Napoli è il dott. Giuseppe Borrelli. Di conseguenza, dovrebbe essere passato nelle mani del dott. Borrelli il fascicolo sul caso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ciò mi venne detto da quel magistrato con cui parlai a gennaio. Avevo dimenticato di riportarlo qui nel blog.

      Elimina
    2. Non preoccuparti, Sundance. Non è grave.

      Elimina
  7. Non se questa sia una buona o una cattiva notizia Daniele, ma spero che almeno il Dott. borrelli rompa questo silenzio della Procura che dura da troppo tempo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei chiedere a persona a me vicina, che lavora in magistratura a Napoli, se pensa che la procura si deciderà a rendere pubblici i risultati degli esami effettuati, e magari se sa darmi una sua interpretazione di questo silenzio prolungato.

      Elimina
    2. Buona idea Simona. Tanto ormai siamo in una situazione tale di stallo che ogni iniziativa... Ben venga!!!

      Elimina
    3. Appena vado a Napoli (spero entro un paio di settimane), gliene parlerò, lei preferisce parlarne di persona e non per telefono, ovviamente. A presto!

      Elimina
    4. Teniamo tutti le dita incrociate, Simona, facci sapere

      Elimina
  8. *Nella pagina di Wikipedia dedicata al Caso della strage di via Caravaggio qualcuno, nel frattempo, ha apportato delle modifiche al racconto dei fatti. Me ne sono accorto stasera, per caso. Mi fa piacere perché vedo quanta attenzione (nonché interesse) è riuscita a cattura questa terribile vicenda. E' la più bella soddisfazione per me, dopo un impegno che è durato circa 3 anni. Nella pagina di Wikipedia viene citato anche il mio Blog quale fonte cui attingere informazioni dettagliate sull'intera vicenda. Anche questo mi riempie di gioia e di emozione.

    RispondiElimina
  9. È vero, Daniele. È una grande soddisfazione. Sono felice che ti venga riconosciuto il lavoro, il tempo, la fatica, la precisione e l'impegno che hai dedicato a questo orribile caso di quasi 40 anni fa. Ora mi rivolgo a tutti i followers del blog affinchè venga firmata la petizione in modo che i risultati di queste analisi vengano resi noti. Lo si deve alle vittime, lo si deve ai familiari che attendono una risposta da 40 anni e lo si deve anche a due dei tre sospettati di questa vicenda, affinchè escano definitivamente di scena, e con le dovute scuse. Ora o mai più. Questo caso non deve essere abbandonato e dimenticato proprio ora, vai avanti Daniele. Siamo con te.

    RispondiElimina